Contatta RENÉSIM:
0039 02 947 516 29

 

 

← Torna al Glossario diamanti

Le Quattro C: Cut, Carat (carato), Colour e Clarity

I criteri più importanti per l'acquisto di un diamante

I diamanti presentano fondamentalmente caratteristiche molto differenti fra loro. A un'osservazione superficiale di due diamanti della stessa grandezza si potrebbe supporre che il loro valore sia uguale. Tale supposizione non è però corretta, poiché persino le più piccole differenze influenzano in svariati modi l'aspetto e soprattutto il valore di un diamante.
La classificazione dei diamanti a seconda della qualità e del valore avviene secondo determinati criteri, le cosiddette Quattro C, ovvero i seguenti giudizi: Carat, Clarity, Colour e Cut.

CARAT (carato del diamante)

Il carato (in inglese carat) è l'unità di misura con la quale si indica il peso di un diamante. Un carato pesa 0,2 grammi e corrisponde a 100 punti, quindi un diamante di 50 punti ha 0,5 carati e pesa 0,1 grammi. Tieni sempre presente che il carato è l'unità di misura del peso e non della grandezza di un diamante. Di conseguenza, un diamante da due carati non è grande il doppio di uno da un carato, anche se pesa il doppio.

 

Abbiamo esposto in questa lista alcune forme di diamante con differenti carature, in modo da potersi fare un'idea a grandi linee della grandezza dei diamanti.

 

Per visualizzare il documento PDF occorre Adobe Acrobat Reader. Per mantenere le proporzioni giuste, assicurati che il documento sia ingrandito al 100% e non usare lo zoom per aumentare o diminuire l'ingrandimento.


Tabella delle misure dei diamantiScarica il PDF

 

Il numero di carati di un diamante non indica però la dimensione del diamante, che è definita in base ad altri due criteri:

 

  • Misure del diamante in millimetri
  • Qualità del taglio, della fattura del taglio e proporzioni

Poiché il diamante incastonato in un gioiello viene generalmente guardato dall'alto, le dimensioni della parte superiore sono particolarmente importanti per farlo apparire più grande. Anche il miglior taglio possibile è essenziale per far apparire più grande il diamante. Infatti, migliore è il taglio, maggiore è la brillantezza. Un'ottima riflessione fa apparire più grande il diamante. Da tenere presenti sono anche le proporzioni. Un diamante dal taglio meno bello può sembrare più piccolo di un diamante tagliato a regola d'arte con la stessa caratura, poiché il peso resta "nascosto" nella parte inferiore (meno visibile) del diamante. È necessario tenere in considerazione anche il fatto che un diamante montato su un anello può apparire più grande o più piccolo a seconda della forma delle dita: più sottile è il dito, più grande apparirà il diamante.

Con il numero dei carati aumenta anche il peso, la grandezza e il prezzo di un diamante. Se hai a disposizione un budget limitato per l'acquisto di un diamante, ti consigliamo di stabilire per prima cosa una lista delle priorità. Qual è il criterio più importante per te? La grandezza del diamante, il taglio, il colore o la purezza? Se le dimensioni sono il criterio più importante, puoi fare dei piccoli compromessi per quanto riguarda la purezza, il colore e il taglio a favore di una pietra più grande.

CLARITY (purezza del diamante)

Clarity indica la purezza di un diamante. I diamanti "privi di imperfezioni", ovvero purissimi sono molto rari. Tale purezza è rilevabile soltanto con una lente a 10 ingrandimenti. In genere presentano dei difetti esterni o delle imperfezioni, le cosiddette "inclusioni", che neb compromettono la purezza. Le inclusioni sono causate da aggregazioni di altri minerali (dello stesso tipo, ad esempio diamante in diamante oppure di tipo diverso, come lo zircone nello zaffiro), spacchi dovuti a cause naturali o fenomeni avvenuti durante il processo di cristallizzazione del diamante. Queste inclusioni impediscono il passaggio della luce attraverso la pietra e ne compromettono la clarity. Più le inclusioni sono piccole e rare, maggiori sono la purezza e il valore del diamante. Sono considerati privi di imperfezioni i diamanti tagliati che risultano privi di inclusioni se osservati con una lente a dieci ingrandimenti. Una graduazione della purezza dei diamanti è stabilita dallo schema seguente, di generale applicazione (scala da IF a P3):

 

Clarity

 

COLOUR (colore del diamante)

Colour indica il colore di un diamante. Esistono diamanti di ogni colore, anche se prevalgono le sfumature verso il giallo. Per definirne al graduazione, essi vengono valutati insieme ai diamanti incolori. Orientativamente si può dire che più è incolore, più prezioso è il diamante. La luce bianca che attraversa senza alcun ostacolo un diamante assolutamente incolore, ne fuoriesce scomponendosi nei colori dell'iride.
I diamanti nei colori dalle tonalità più sature (verde, rosso, blu, porpora, marrone, giallo e nero), i cosiddetti Fancy Colours, sono soggetti ad appositi standard di graduazione grazie ai quali possono raggiungere, a seconda della tonalità e dell'intensità del colore, un valore talvolta addirittura maggiore a quello dei diamanti puri, ovvero bianchi. I "Fancy Diamonds" sono quei diamanti che mostrano impurità o sono stati sottoposti a una pressione incostante durante il processo di mineralizzazione. Dal punto di vista statistico, ogni 100.000 diamanti si trova un diamante "Fancy".
Per definire la graduazione del colore non esiste una terminologia omogenea, in quanto ogni laboratorio usa diverse denominazioni. Ne presentiamo una panoramica:

 

Colour

 

Il Colour dei diamanti più incolori, dalla tonalità bianco-bluastro, è definito "River", "Bianco eccezionale" oppure bianco eccezionale+ ed è classificato con le lettere D ed E. Seguono i diamanti in bianco extra o rare white (Top Wesselton) con le definizioni di colore F e G. Wesselton (bianco) indica i diamanti classificati con la lettera H.
 
A uno specialista di media esperienza, i diamanti dal grado di colorazione da D ad H osservati attraverso la tavola appaiono incolori. I diamanti dalla tonalità gialla sono classificati all'ultimo posto della scala di colore (Z) e sono di conseguenza meno preziosi.

 

Cut (taglio)

Cut indica il taglio di un diamante. Per taglio si intende il tipo e la forma del diamante ottenute tramite il taglio, che mira ad aumentarne la luminosità e ad esaltare gli effetti ottici propri di questa pietra preziosa. Indipendentemente dalla forma, un diamante tagliato e sfaccettato a regola d'arte riflette meglio la luce, brilla di più e crea il fuoco che lo rende così pregiato.

 

Un taglio troppo appuntito fa sì che la luce attraversi il diamante, uscendo però direttamente dall'apice. Se il taglio è troppo piatto, il raggio di luce viene spezzato nella parte superiore all'interno, fuoriuscendo anche in questo caso dall'apice, ovvero dalla parte inferiore. Solo se le proporzioni del Cut sono buone, la luce viene riflessa da una faccetta all'altra per fuoriuscire poi attraverso la parte superiore del diamante.

 

Cut (taglio)

Un diamante ha solo pochi piani di clivaggio e su ogni piano di clivaggio si presentano solo poche direzioni di clivaggio. Ogni diamante, indipendentemente dalla forma, ha una struttura cristallografica a ottaedro.

 

Ogni diamante grezzo, indipendentemente dalla forma e dall'aspetto, ha quattro assi ternari, sei assi binari e tre assi quaternari. Complessivamente, ogni diamante ha 4 x 3 + 6 x 2 + 3 x 4 = 36 direzioni di clivaggio sfaldabili. Tutte le altre ca. 100.000 (360 x 360) direzioni sono dure. Una deviazione anche minima, di un paio di gradi, dalla vera e propria direzione di clivaggio significa incontrare delle zone dalla durezza tale da rendere praticamente impossibile il taglio del diamante.

 

Il Cut eccellente è il taglio a brillante, poiché è l'unico in grado di esaltare al massimo la brillantezza e la scomposizione del colore, in modo da permettere al diamante tagliato e levigato di sviluppare al massimo il suo fuoco.

 

Graduazione del taglio

La brillantezza di un diamante viene definita dalla fase di Finish, ovvero dalla fattura del taglio e dalle proporzioni. Le seguenti gradazioni di taglio sono le più comuni per il Finish:

 

  • Eccellente (engl. excellent) (≙ ideale)
    Brillantezza straordinaria, nessuna imperfezione, proporzioni e simmetria ottime; la luce che penetra nel diamante viene riflessa completamente; un taglio eccellente e raro
  • Ottimo (engl. very good)
    Ottima brillantezza; poche o minuscole imperfezioni esterne; proporzioni e simmetria ottime
  • Buono (engl. good)
    Buona brillantezza; alcune imperfezioni esterne. Proporzioni con anomalie minime, buona simmetria delle faccette
  • Standard (engl. fair)
    Brillantezza meno forte; alcune anomalie esterne più grandi. Proporzioni e simmetria con anomalie maggiori

Forme

 

 

Round (rotondo)

La forma rotonda del taglio a brillante (solitamente a 58 faccette) è la più apprezzata. Oggetto di approfonditi studi, ha ispirato numerose teorie sul comportamento della luce nonché calcoli matematici elaborati con lo scopo di migliorare ulteriormente la brillantezza e il fuoco del diamante.

Inoltre, la forma rotonda permette una certa flessibilità per quanto riguarda la scelta della qualità del taglio, del colore e della purezza, mantenendo allo stesso tempo la brillantezza e il fuoco. Per valorizzare al massimo la brillantezza, si consiglia di scegliere diamanti dalle seguenti caratteristiche: Taglio: eccellente con simmetria e lucentezza eccellenti.

 

 

Princess (Principessa)

Come il taglio a brillante rotondo, anche il taglio Princess è una forma molto richiesta. La brillantezza e la forma sono molto richieste per gli anelli di fidanzamento. In origine la forma era quadrata, ma si sta diffondendo sempre più la versione rettangolare. Una particolarità di questa forma è data dagli angoli molto appuntiti e sporgenti. Ciò rende necessario tenere presente almeno due criteri se si desidera scegliere questo tipo di taglio: da una parte, il colore deve essere almeno un Wesselton (lettera H) per evitare le zone gialline che possono presentarsi nelle pietre classificate secondo le lettere I e J. Dall'altra bisogna tenere conto del rapporto tra lunghezza e larghezza. Le forme Princess quadrate o rettangolari possono risultare molto differenti tra loro. Per la forma Princess quadrata consigliamo un rapporto lunghezza-larghezza da 1 a 1.05, mentre per la forma rettangolare raccomandiamo un rapporto superiore a 1.10.

 

 

Emerald (smeraldo)

Visto dall'alto, il taglio Emerald, detto anche a smeraldo, somiglia alla forma Princess. La parte inferiore però è tagliata in modo completamente diverso. Le faccette rettangolari e la grande tavola esaltano in modo particolare la purezza del diamante. Consigliamo un Emerald Cut per pietre con un grado di purezza di minimo VSI (VS1 o VS2). Non bisogna dimenticare che nei diamanti taglio Emerald la forma rettangolare può presentarsi con forti variazioni. Il miglior rapporto lunghezza-larghezza di una forma Emerald standard va da 1.30 a 1.40.

 

 

Asscher

La forma Asscher è esteticamente identica al taglio Emerald, ma al contrario di quest'ultima è sempre quadrata. Anche qui si consiglia di scegliere un grado di purezza maggiore, poiché la forma quadrata enfatizza al meglio la purezza del diamante. Anche in questo caso consigliamo di tenere presente che scegliendo un colore a partire dal grado J, possono risultare visibili delle zone gialline negli angoli.

 

 

Ovale

I diamanti di forma ovale presentano una brillantezza simile a quelli di forma rotonda. Questa forma è particolarmente bella se indossata da dita lunghe e sottili. Come nel caso delle forme Princess ed Emerald, anche i diamanti a taglio ovale devono rispondere a determinati criteri di proporzione tra lunghezza e larghezza. Tale rapporto è ideale tra 1.33 e 1.66.

 

 

Marquise (a marchesa)

Il taglio Marquise somiglia a quello ovale, ma ha le estremità allungate e appuntite. Inoltre, questo taglio fa sembrare il diamante molto più grande. Un diamante taglio Marquise viene messo in risalto in modo particolare se incastonato in un anello e completato da due diamanti laterali rotondi. Le punte richiedono un'attenta scelta del colore. Consigliamo un colore tra D e H per evitare che le punte assumano un colore giallino. Un buon rapporto lunghezza-larghezza per la tradizionale forma Marquise varia da 1.75 a 2.25.

 

 

Pear (a goccia)

Il diamante dal taglio a pera ha una forma rotonda con un'estremità arrotondata e l'altra che si assottiglia in punta, somigliando a una lacrima o a una goccia. È spesso apprezzata da chi ama i diamanti rotondi ma è alla ricerca di una forma meno comune. Grazie alla sua forma allungata, il diamante taglio Pear conferisce alle dita una silhouette slanciata. Le punte richiedono un'attenta scelta del colore. Consigliamo un colore tra D e H per evitare che le punte assumano un colore leggermente giallo. Tale rapporto è ideale tra 1.45 e 1.75.

 

 

Radiant

La caratteristica principale del taglio Radiant sono gli angoli tagliati che lo rendono adatto a ogni tipo di lavorazione e di conseguenza molto richiesto. La forma Radiant può essere quadrata o leggermente rettangolare. La forma rettangolare può variare, quindi bisogna fare attenzione alle misure. Per la forma Radiant quadrata consigliamo un rapporto lunghezza-larghezza da 1 a 1.05, mentre per la forma rettangolare raccomandiamo un rapporto superiore a 1.10.

 

 

Heart (a cuore)

Il simbolo dell'amore trova la sua massima espressione di brillantezza nella forma a cuore, simile a quella rotonda. Anche in questo caso è consigliabile scegliere una gradazione di colore di minimo H per evitare le zonature gialline sulle punte. La forma a cuore può essere larga, equilibrata o leggermente allungata. È importante perciò rispettare le dimensioni del diamante per garantire che il cuore si possa tagliare nel modo desiderato. Un buon rapporto lunghezza-larghezza misura tra 0.90 e 1.10.

 

 

Cushion (a cuscino)

La forma Cushion era molto richiesta in passato. Gli angoli smussati e le grandi faccette conferiscono al diamante un ottimo scintillio. Questa forma si presta in particolar modo per esaltare la purezza dei diamanti, per cui è opportuno scegliere un alto grado di purezza di minimo VSI.
Per la forma Cushion quadrata consigliamo un rapporto lunghezza-larghezza da 1 a 1.05, mentre per la forma rettangolare raccomandiamo un rapporto superiore a 1.15.

 

 
Chi siamo Aiuto Misure degli anelli Newsletter Stampa Offerte lavoro CGC Informazioni sulla privacy Note legali
Contatto

renesim GmbH

Amiraplatz 1
D-80333 Monaco di Baviera

T 0039 02 947 516 29
F 0049 89 1222 893-99
service@renesim.com

Orario di apertura da lun. a ven.
dalle 9:00 alle 18:00

Novità

Iscriviti alla newsletter e ricevi regolarmente tante interessanti novità:

Iscrizione newsletter

Segui RenéSim anche su
Garanzia totale soddisfatti o rimborsati
  • 180 anni di tradizione artigianale familiare nel settore della gioielleria
  • Qualità eccellente e servizio impeccabile
  • Diritto di recesso di 30 giorni
  • Adattiamo gratuitamente la misura del tuo anello
  • Assistenza personalizzata e la più ampia disponibilità possibile
  • Sistema di pagamento sicuro e spese di spedizione gratuite da Monaco di Baviera
Certificati
La consegna avviene con
Metodi di pagamento
La gioielleria on line RenéSim riunisce in sé, in un connubio perfetto, i vantaggi del sistema di vendita on line e l'esperienza di una tradizione familiare artigianale nel settore dei gioielli nata 180 anni fa. Per RenéSim, le pietre preziose e soprattutto i diamanti svolgono un ruolo particolarmente importante. È possibile infatti acquistare non solo gioielli di gran pregio, come gli anelli di fidanzamento personalizzati, ma anche diamanti sciolti. Qui troverai esclusivi orecchini a lobo con diamanti, anelli con diamanti, anelli memory, anelli di fidanzamento e tante altre splendide creazioni. I nostri maestri gioiellieri sono a tua completa disposizione!

Copyright © 2010 - 2017 RenéSim, gioielleria online settore lusso
192.168.66.68